News - Soluzione Mipa

Vai ai contenuti

RISTRUTTURAZIONE BAGNO CHIAVI IN MANO

Soluzione Mipa
Pubblicato da in BAGNO · 3 Luglio 2019
Tags: ristrutturazioni
RISTRUTTURAZIONE BAGNO CHIAVI IN MANO PADOVA

Quando si parla di ristrutturazione bagno chiavi in mano bisogna trattare l'argomento con professionalità e serietà.
Infatti, se non si lavora in modo organizzato e coordinato, potrebbe diventare normale entrare in un vero e proprio circolo vizioso dove le incomprensioni tra artigiani, professionisti ed installatori porterebbero portare a vivere un incubo. La conseguenza più frequente che abbiamo riscontrato è il ritardo dei lavori del rifacimento del bagno con conseguente ritardo nella consegna della ristrutturazione del bagno. Altro punto da non sottovalutare è che se la ristrutturazione del bagno non viene seguita da un professionista, la vostra casa dovrà sostenere il trambusto di un cantiere aperto un numero imprecisato di giorni.

Questi sono solo alcuni dei rischi che devi evitare per non trasformare la tua ristrutturazione bagno in un “rifacimento bagno da incubo”.
Ristrutturare il bagno è un investimento, una scelta di benessere per te stesso e per la tua famiglia!
Per gli antichi romani i bagni erano sacri e oggi lo sono ancora per molti di noi.
Infatti non si tratta solo di un ambiente di servizio; dentro il bagno c’è la tua vita, dalla doccia della mattina, all’igiene della sera. E questo ovviamente vale anche per i tuoi familiari.

Ecco perché possiamo affermare che la ristrutturazione bagno chiavi in mano è il primo passo per riequilibrare il benessere di te stesso, della tua vita di coppia e di famiglia.
Come si realizza un rifacimento bagno completo?
Seguendo in linea di massima queste fasi principali:
1) Si inizia con la rimozione dei sanitari, del pavimento e del rivestimento in piastrelle e del vecchio impianto idraulico
2) Si procede con la realizzazione del nuovo impianto idraulico relativamente ai canonici 4 punti acqua (vaso, bidet, lavabo, doccia o vasca), comprese le tubazioni di scarico
3) Si chiudono le tracce dei nuovi impianti
4) Si passa poi alla formazione del massetto per la successiva posa delle piastrelle
5) Si procede quindi alla fornitura e posa delle piastrelle per il pavimento e il rivestimento, a seconda della scelta effettuata
6) Si arriva dunque all’installazione di tutti i nuovi materiali: sanitari, rubinetteria, mobili bagno e scaldasalviette.
7) Dopo aver collaudato e verificato che sia tutto perfettamente funzionante, si conclude con una pulizia finale che ti permetta di poterti godere praticamente da subito il tuo nuovo bagno.
Bisogna tuttavia sottolineare che c’è una notevole differenza tra una ristrutturazione bagno che prevede un semplice restyling (sostituzione dei sanitari e/o tinteggiatura delle pareti) ed un lavoro di rifacimento bagno completo che presuppone degli interventi sugli impianti (anche se magari dovesse trattarsi di un rifacimento bagno piccolo).
Ristrutturazione bagno ed agevolazioni fiscali: servono autorizzazioni ed in quali casi?
Il rifacimento bagno rientra in quelle opere per cui sono previste delle agevolazioni fiscali che consentono la detrazione del 50% delle spese sostenute, nel rispetto delle condizioni previste dalle normative vigenti.
E’ opportuno verificare con un professionista, spesso un geometra, la tipologia di ristrutturazione bagno da eseguire e le eventuali pratiche da presentare a chi di competenza (ad esempio, il Comune). Esistono diversi tipi di pratiche (CILA e SCIA sono le più frequenti) e, poiché le variabili da considerare sono molte, ti consigliamo di affidarti sempre ad un tecnico esperto per verificare la soluzione più giusta per te.
Ad esempio per usufruire del bonus mobili, con la relativa detrazione irpef del 50%, è necessario che l’intervento sia certificato come ristrutturazione edilizia.


Nell’ottica di offrirti un servizio sempre accurato, siamo a tua disposizione per consigliarti un team di esperti anche nelle documentazioni per la ristrutturazione bagno con agevolazioni fiscali che ti potranno aiutare a valutare le pratiche opportune in base alle tue esigenze.
Ristrutturazione bagno completa: alcune considerazioni sui sanitari e sulla cassetta di scarico wc.
Il rifacimento del bagno è sinonimo anche di nuovi sanitari per i quali la scelta è a dir poco ampia.
Spesso ci viene chiesto se sia meglio utilizzare i sanitari a terra o i sanitari sospesi.
Entrambe le soluzioni hanno vantaggi e svantaggi.
I sanitari sospesi sono tendenzialmente più igienici in quanto non c’è contatto col pavimento e la pulizia sotto il sanitario è facilitata.
I sanitari a terra sono per l’appunto a contatto con il pavimento e per questo risultano più “solidi”. Vengono proposti nei casi in cui il fissaggio a parete non sia possibile (pareti in cartongesso).
Poi ovviamente la scelta deve tenere in considerazione il tuo gusto e lo stile dell’ambiente.
E a proposito di stile e design, soprattutto quando si fa la ristrutturazione di un bagno piuttosto datato, molte persone desiderano i sanitari con la cassetta di scarico wc interna al muro (cioè che non si vede).
Si tratta di una soluzione estetica che ha il suo pregio, ma che non sempre è possibile, in quanto alcuni vecchi bagni hanno pareti poco spesse che quindi non possono contenere la cassetta.
Un altro paio di consigli per la tua ristrutturazione bagno.
1) Orari da rispettare per chi abita in condominio
Se vivi in condominio sei soggetto ad un regolamento di condominio che in genere riporta gli orari in cui puoi liberamente eseguire lavori nel rispetto del vicinato (così come gli orari di “silenzio”).
Se invece non vivi in condominio, allora l’impresa che eseguirà il rifacimento del bagno potrà seguire le linee guida del tuo Comune che di norma sono pubblicate sul sito del Comune stesso. Quest’ultimo indica gli orari per l’emissione di rumori da attività professionali (non sono orari strettamente rigorosi, ma è meglio tenerne conto, ovviamente nei limiti del possibile).
2) Eventuale sostituzione colonna di scarico
Come tutte le cose che non sono immediatamente visibili, questo è un punto spesso trascurato in fase di ristrutturazione bagno.
La sostituzione della colonna di scarico non è obbligatoria, ma dipende dalle condizioni del tuo immobile. In genere su quelli degli anni ’50-’60-’70 può essere il caso di sostituirla in modo da farti ottenere con il rifacimento bagno i migliori benefici anche sul lungo periodo.
Preventivi, tempistiche, assistenza e presenza in cantiere del professionista a cui decidi di affidare la tua ristrutturazione bagno chiavi in mano: ecco alcuni aspetti importanti che devi valutare.
1) Quando sottoscrivi un preventivo per la ristrutturazione bagno verifica per bene che ti siano assicurati tempi realizzativi certi e costi finiti che comprendano davvero tutto… e per “tutto” intendiamo anche ciò che in genere molti posatori fanno puntualmente saltare fuori solo in corso d’opera ed a preventivo già accettato… (ed indovina un po’ chi dovrà pagare la differenza?... Esatto!)
2) Pretendi un sopralluogo per accertare quale sia la tua specifica situazione prima di ricevere un preventivo.
Molte “ristrutturazioni bagno da incubo” nascono dal fatto che tante persone si limitano a ricevere una raccolta di offerte sommarie via mail, senza che sia uscito un professionista a valutare attentamente lo stato reale del tuo bagno e quindi senza poter verificare sia l’effettiva tipologia dei lavori da eseguire, sia i possibili imprevisti che possono nascere e ai quali l’installatore a cui ti sei rivolto deve essere in grado di far fronte e risolvere prontamente.
3) Se affidi il tuo rifacimento bagno ad una di quelle aziende che fanno televendite o qualcosa di simile, tieni presente che in fase di preventivo NON parlerai MAI con chi ti farà veramente il lavoro, ma solo con un venditore (che in genere non verrà in casa tua per farti una vera consulenza, ma piuttosto per cercare di venderti qualcosa a tutti i costi per ripagarsi delle alte spese della pubblicità televisiva).
In questi casi di norma succede che poi si occuperanno della tua ristrutturazione bagno altre persone sconosciute, spesso anche totalmente estranee alla ditta del venditore!
Secondo te che cura e che livello di responsabilità potranno avere nei confronti tuoi che invece avevi fatto gli accordi con una persona che NON è presente durante l’esecuzione dei lavori?!… (non immagini quante persone si rivolgono poi a noi in seconda battuta per rimediare ai loro danni!)
Per comprendere tutti i pro e i contro delle varie soluzioni disponibili è necessario concordare un appuntamento ed un sopralluogo per verificare tutti gli aspetti che ti permetteranno di ottenere la piena soddisfazione dal tuo rifacimento bagno (anche se dovesse trattarsi di un lavoro di rifacimento bagno piccolo).
Contattaci ora per maggiori informazioni e per concordare una consulenza gratuita per la ristrutturazione del tuo bagno.